fbpx

Copiare la natura per progettare un mondo migliore

Albert Einstein diceva «Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già inventata», ed è vero.

Nel corso della loro evoluzione, infatti, gli organismi viventi che ci circondano hanno sviluppato “brevetti” straordinari che da sempre l’uomo cerca di imitare per trovare la soluzione a problemi complessi.

È stato grazie all’osservazione degli uccelli se oggi voliamo, grazie allo studio dei pipistrelli se possediamo il sonar, merito del ragno se fabbrichiamo stoffe incredibilmente leggere e resistenti e dallo studio delle dita dei gechi sono nati materiali che ci consentono di arrampicarci anche sulle pareti di vetro.

Oggi, un’altra straordinaria opportunità ci viene offerta da nuove tecnologie green capaci di imitare gli stessi processi che da milioni di anni consento alle piante, come all’atmosfera, di degradare e trasformare decine di sostanze nocive sfruttando solo energie pulite come il sole, l’acqua e l’ossigeno.

Una finestra di speranza affacciata sul futuro.

Per decenni la nostra società ha creato prodotti tossici, inquinanti, ad elevato consumo energetico che hanno contribuito a saturare, impoverire e avvelenare l’ambiente, con conseguenze disastrose per la persona e l’eco-sistema.

A questa categoria appartengono prodotti e tecnologie ancora largamente utilizzate nel campo della sanificazione ambientale, nonostante i rischi per la persona e i danni ambientali associati al loro utilizzo e agli scarti prodotti.

In natura, invece, il rifiuto fine a sé stesso non esiste perché nella biosfera nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto continuamente si trasforma in un ciclo continuo ed equilibrato.

Un sistema circolare capace di bastare a sé stesso, che nuove tecnologie green, hanno la capacità di imitare, eliminando dai luoghi dove abitiamo, lavoriamo, dormiamo e viaggiamo le sostanze che maggiormente minacciano la nostra salute.

Lo fanno in maniera discreta ma incessante, trasformando virus, batteri, gas, agenti chimici, allergeni e odori in semplici molecole organiche totalmente inoffensive.

Capaci di agire nel mondo nanometrico dove si nascondono le sostanze più piccole, incorporee e perciò più pericolose per la nostra salute, sanificano senza soluzione di continuità aria e superfici.

La sanificazione molecolare

Negli ultimi trent’anni è nata una specifica branca della scienza che traendo fonte d’ispirazione dallo studio dei processi biologici e biomeccanici della natura e degli esseri viventi, realizza tecnologie avanzate capaci di imitarli e riprodurli: la biomimetica (dal greco bios – vita – e mimesis – imitazione).

Si inseriscono in questo filone, nuove tecnologie naturali ma straordinariamente efficaci perché capaci di agire a livello molecolare eliminando quindi, alla fonte, la causa del problema.

I vantaggi che offrono tali tecnologie sono talmente netti che qualsiasi strumento attualmente utilizzato per il trattamento dell’aria negli ambienti chiusi, risulta nettamente superato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi